Le sculture di sabbia: arte da noi poco conosciuta

A Roma l’associazione dei professionisti e degli amatori

Per iniziare occorre precisare che quando parliamo di queste opere, bisogna citare: sculture di sabbia e acqua. L’acqua infatti al pari della sabbia è uno dei due ingredienti insostituibili di queste capolavori.

Il liquido, svolge l’importantissimo ruolo di legare tra loro i granelli di sabbia grazie alla tensione esistente tra le sue molecole e così la forma che gli viene data, resterà immutata.

Quella che ai nostri occhi è un’arte di recente esecuzione, nelle culture del sud America e dell’Asia, è radicata da tempo.

Le sculture e i castelli di sabbia debbono la loro fortuna al grande sviluppo del turismo balneare avutosi nel dopoguerra.

Queste nel tempo si sono trasformate. Se all’inizio erano solo bei passatempo per amatori, negli anni alcuni sono divenuti veri e propri professionisti e così, sono sono organizzate gare, mostre tematiche dando origine ad una nuova generazione di operatori del settore.

Basti pensare che un solo evento oggi, riesce ad attrarre centinaia di migliaia di visitatori.

Ne è un classico esempio la gara internazionale di Lu Liang che si svolge nell’interno della Cina a più di 1000 km dal mare e a 2000 m di quota;

La manifestazione che si svolge a Marzo e che attrae centinaia di migliaia di visitatori oltre a costituire una ricchezza in termini economici, ha subito stabilito un forte legame con il territorio così adatto per la ricchezza di materia prima e per l’entusiasmo con cui è stata accolta dalla popolazione locale.

Adesso scopriamo assieme alcuni di questi bravissimi artisti e le loro opere:

Toshihiko Hosaka

Artista giapponese – nato nel 1974 – La tecnica e la bravura di quest’uomo sono affascinanti. Da circa 20 anni è amato e ammirato da milioni di persone nel mondo. Le sue opere sono grandi ed elaborate nella forma, ma purtroppo come sappiamo sono effimere. Sanno regalare un sorriso a chi ha il piacere di vederle.

Il suo piccolo segreto: applica uno spray per indurirne la superficie esterna, rallentando il processo di deterioramento dell’opera.

Ha partecipato e vinto diversi concorsi.

Andoni Bastarrika

Artista spagnolo che ha iniziato la sua avventura per così dire nel 2010.

Le sue opere, per lo più animali sono così realistiche da sembrare vere e per questo motivo è considerato da molti il “re della sabbia”. C’è un motivo ben preciso per cui Andoni predilige realizzare opere che raffigurano animali: per l’artista spagnolo sono degli “spiriti liberi” e portatori di saggezza, da cui noi umani possiamo imparare.

Sudarsan Pattnaik

Artista indiano noto nel suo paese per le sue opere di sand art, sculture di sabbia rappresentati icone della storia e della cultura indiana. Ha messo la propria arte a disposizione della lotta contro l’inquinamento dei mari. Obiettivo: attirare l’attenzione sulla drammatica condizione in cui si trovano mare e coste del sua regione, il Puri, nello stato di Orissa in India.

Come vedete sono veramente tanti gli artisti che sanno “modellare” la sabbia. Ognuno ha un suo stile e con la sua opera, trasmette un messaggio.

Un vero peccato che durino così poco. È per questo motivo che occorre farli conoscere al mondo.

Se vi fa piacere, fate un giro su internet e troverete siti con le loro meravigliose opere.

2 pensieri riguardo “Le sculture di sabbia: arte da noi poco conosciuta

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...