Cos’è il dolore oncologico?

LILT Bolzano Bozen

Cos’è il dolore oncologico?

Il dolore è un meccanismo fisiologico di difesa con cui l’organismo segnala al cervello, tramite stimoli al sistema nervoso, la presenza di una minaccia interna o esterna all’integrità dell’organismo stesso. Scopo della stimolazione è che l’individuo allertato risponda alla minaccia, evitando così eventuali danni maggiori. Nel caso del cancro, uno studio approfondito ha valutato che solo nel 64% dei casi la comparsa di questo sintomo aiuta a diagnosticare la malattia.

Non tutti i pazienti oncologici infatti provano dolore. Nella maggioranza dei casi esiste però la possibilità di controllarlo.

Come si manifesta?

Ognuno avverte il dolore in maniera individuale e non esiste una comune soglia di sopportazione.

I medici lo sanno, per cui non si deve temere di chiedere sollievo, anche se altri pazienti con la stessa malattia sembrano tollerare meglio i sintomi dolorosi.

istock_000006409207small

Il dolore dovuto al cancro può essere acuto, per esempio quando…

View original post 468 altre parole

Combattere

ORME SVELATE

Risultati immagini per break the chains saatchi art break the chains-reflection (Ece Kırbaş)

Arrendersi è un po’ morire,
è smettere di respirare
lasciandosi andare
scivolando nel profondo
dove nulla esiste più
oscurità dei pensieri,
luogo senza tracce
dove ogni dono ricevuto
è stato dimenticato.
Arrendersi è anche impazzire,
lasciare che le emozioni
vincano la speranza
e le delusioni lascino ancora
il sapore amaro del dolore,
senza vedere più possibilità
ci si dimentica dell’amore
e si resta soli nelle tenebre.
Adesso però è il tempo della luce
bisogna sorridere al mattino,
vincere gli incubi per vivere ancora
dimenticandosi della notte,
presto arriveranno nuove note
perché chi combatte spezza le catene
e si libera dalle proprie pene,
non ci si può arrendere,
non è ancora tempo di morire.

Daniele Corbo

View original post

Sindrome del tunnel carpale: cos’è, rimedi, sintomi e intervento

MEDICINA ONLINE

MEDICINA ONLINE MUSCOLI DELLA MANO OSSA ORTOPEDIA TUNNEL CARPALE SINDROME MEDICO NERVI SISTEMA NERVOSO PERIFERICO MOVIMENTO ANATOMIA UMANA SCHEMA MUSCOLATURA HAND MUSCLE NERVE.jpgCon “sindrome del tunnel carpale” si intende una neuropatia (patologia che colpisce il Sistema Nervoso Periferico) dovuta alla compressione del nervo mediano che innerva i muscoli pronatori dell’avambraccio, i flessori lunghi delle dita, l’abduttore breve e l’opponente del pollice e assicura la sensibilità della faccia palmare della mano nel suo passaggio attraverso il tunnel carpale. Il tunnel carpale è uno stretto passaggio situato sul lato palmo del polso che serve a proteggere il nervo principale della mano e i tendini che flettono le dita. La compressione del nervo produce l’intorpidimento, il dolore e, infine, la debolezza della mano. Tutti sintomi che caratterizzano la sindrome del tunnel carpale. Esistono vari livelli di gravità di questa patologia, è importante ricordare che in assenza di trattamento o di cambiamenti dell’attività lavorativa può diventare grave negli anni e diventare addirittura irreversibile in alcuni pazienti. Fortunatamente, per la maggior parte delle persone affette da questa…

View original post 1.639 altre parole

I RACCONTI DEL PICCOLO OSPEDALE DEI BIMBI-QUANDO L’INFERMIERA-FRANCESCA ERA MALATA

Onda Lucana

L’ASSOCIAZIONE CIECHI, IPOVEDENTI ED INVALIDI LUCANI ACIIL ONLUS
PUBBLICA I RACCONTI DEL PICCOLO OSPEDALE DEI BIMBI DI VITO COVIELLO

QUARTA DI COPERTINA

“I racconti del piccolo ospedale dei bimbi” è una raccolta di racconti, favolette
e storie, alcune delle quali legate ai ricordi dell’autore stesso, di quando egli
da bambino era stato ricoverato in un ospedale.
Questa raccolta di racconti, favolette e storie vuole essere, senza alcuna
pretesa, un regalo che l’autore vuol fare a tutti i bambini che sono e saranno
ricoverati per varie problematiche in un qualsiasi ospedale del mondo.
Lui stesso torna bambino trai i bambini: Vito, il bambino ricoverato in ospedale
con tutti i suoi sogni, le sue fantasie, le sue paure, le sue speranze di bambino
trai bambini.

L’autore cerca di regalare un sorriso, una speranza, una carezza a tutti quei
bambini che lui stesso sente come amici e fratelli e di cui, tanti di…

View original post 901 altre parole

Good People Doing Good Things — Peter Tabichi

Filosofa's Word

Peter TabichiI would like to introduce you to Peter Tabichi.  Peter is a Kenyan science teacher and Franciscan friar at the Keriko Mixed Day Secondary School in Pwani Village in a remote part of Kenya’s Rift Valley.  More than 90% of his pupils are from poor families and almost a third are orphans or have only one parent. Drug abuse, teenage pregnancies, dropping out early from school, young marriages and suicide are common. Students have to walk 4 miles along roads that can become impassable in the rainy season to reach the school and the area can be affected by drought and famine. RiftValleyMany of Mr. Tabichi’s students would not be able to attend school, if it weren’t for the fact that he gives 80% of his salary to help support the students.  That, in itself, is remarkable, but that isn’t all he does.

Despite only having one computer, a poor…

View original post 543 altre parole

L’Art Nouveau a Riga

L’Art Nouveau è un movimento artistico-filosofico che nasce in Francia tra la fine dell’Ottocento e i primi decenni del XX secolo, e si diffonde in tutta Europa con nomi diversi nelle diverse nazioni: in Italia, ad esempio, l’Art Nouveau è conosciuta come “Stile Liberty”, mentre in Lettonia viene indicata come “Jugendstil”. La prima guerra mondiale, … Leggi tutto L’Art Nouveau a Riga