CERCAMI – poesia di Mila Kačič

Nei giorni di solitudine
cercami tra le cose
che si possono dare per amore.
Nel volo primaverile degli uccelli,
nelle nubi e nel tramonto
sanguigno,
mentre si fonde con il sole.
Nei falò estivi,
tremolanti,
quando li inghiotte
il buio del cielo.
Nella furia dei venti,
intrecciati tra loro
e nei rami degli alberi,
mani che abbracciano.
In tutto mi trovi.
Quando t’immergi nell’acqua,
cercami nell’onda
e m’insinuerò tra le tue gambe.
La conchiglia
che si è attaccata allo scoglio
e non lo lascia più
sono io.
Cercami nel fruscio delle erbe
che il vento piega
e gli si abbandonano estatiche,
mi trovi nelle radici
che invadono il cuore della terra.
In tutte le cose
che si possono dare per amore
e per amore prendono,
cercami.
Dovunque sono io,
è il mio amore.

(1912-2000) con parole semplicissime, dolenti come lacrime, la poetessa slovena Mila Kačič canta il dolore che da secoli accompagna la vita di tante donne: donne i cui uomini combattono lontano, donne trascurate e picchiate, donne che perdono un fratello, donne private dei figli, donne ammalate, donne il cui amore è calpestato dall’indifferenza e dall’oblio.

Mila Kačič, slovena, nata il 5 ottobre 1912 nelle prossimità di Ljubljana, dove ha studiato canto e pianoforte al Conservatorio, e recitazione all’Accademia di arte drammatica, con alle spalle una carriera di attrice, è stata una di quelle poetesse che strappano la vita a morsi sin dalla nascita. Figlia illegittima dell’educatrice di un orfanotrofio per bambini poveri, Ljudmila Kačič, dalla quale ha preso il cognome, e di un ricco proprietario di Lubiana, ha scritto soprattutto liriche dove prende vita l’amore per un uomo e per il figlio, e con esso i dolori delle donne e della madri. La sua grande passione fu lo scultore Jakob Savinšek, con il quale ebbe David, morto dieci anni prima di lei. La disperazione di un genitore che sopravvive a un figlio da sempre sferza le esistenze di quanti sono così sfortunati da viverlo. Mila Kačič, per strapparselo di dosso, l’ha messo in versi così: «Sulle ginocchia ninno la vita che piange / piange a dirotto / così perduta, dimenticata, sciupata e misconosciuta. E’ inconsolabile / Ma cosa vuole ancora? / Eppure l’ombra della felicità / ha sfiorato / questa smorfiosa viziata, esigente, puerile e ridicola. / Mi chinerò profondamente / perché una buona volta mi cada dal grembo».

Le sue poesie sono state pubblicate sinora in otto raccolte.

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...